Campagna elettorale: il prontuario (+preventivo) per vincere emergendo dal basso

Campagna elettorale: il prontuario (+preventivo) per vincere emergendo dal basso

In vista delle prossime elezioni amministrative nel Comune di Ferrara, vediamo come intervenire da un punto di vista della propaganda elettorale, per far emergere dalla massa una lista politica, specie quella di tipico civica più complessa e lunga da promuovere.

Evitare di utilizzare un solo canale di comunicazione, specie quelli gratuiti o più economici è una buona premessa per una propaganda elettorale efficace. Non sappiamo se i nostri elettori preferiscano utilizzare un determinato canale oppure diversi tra loro, quali in particolare e con che attenzione. Occorre quindi agire su più fronti, con canali variegati e con vigorosa aggressività!

Proprio il fattore aggressività per molti “competitor” rappresenta l’occasione giusta su cui far leva, soprattutto negli ultimi giorni prima del voto: infatti, più candidati ci sono, più il clima teso e snervante crea mille perplessità e insicurezze tra gli elettori che, per informarsi, confrontare e poi votare, hanno come unico mezzo proprio la propaganda elettorale.

Vediamo quindi come agire al meglio, senza commettere errori e affrontare serenamente una sfida molto importante: diventare sindaco!

SITO WEB

Tra i canali online si annovera certamente il sito web, che in questo caso può essere un semplice blog. La semplicità è il fattore chiave per un buona comunicazione! Sul sito è possibile gestire la comunicazione a 360° con estrema semplicità e libertà, al contrario dei social-network. Si può modellare o personalizzare grafica, contenuti testuali, interazioni e molto altro. E’ chiaro che la capacità di aggiornare in autonomia i testi consente la massima libertà di pubblicazione, ma con un minimo di competenza informatica tutto è possibile! Il sito oltre a raggiungere le persone che non utilizzano i social-network è l’ “hub” ideale per scaricare documenti, approfondimenti, iscriversi alla newsletter o per mettersi in contatto con i candidati della lista.

R

Attenzione alla privacy, rispettando il nuovo regolamento europeo

R

Ottimizzare la SEO considerando 30 giorni per l’indicizzazione organica sui motori di ricerca!

SOCIAL-NETWORK

Sicuramente le pagine business sono il tool online preferito di molti, ideali anche da usare in contesti politici. Oltre ad avere un prospetto delle statistiche delle varie interazioni con gli utenti, il vantaggio principale è quello di raggiungere più facilmente gli utenti della rete social. Senza soffermarsi alla classica pubblicazione gratuita, sicuramente utilizzare il circuito pubblicitario a pagamento del social aiuta a raggiungere centinaia di persone anche con soli 5€ al giorno. Esistono tanti social-network ma sicuramente: Facebook, Twitter e Linkedin sono quelli maggiormente idonei ad una campagna elettorale. Può bastarne anche uno solo, l’importante è tenere costantemente aggiornato quello scelto.

R

Valutare una campagna a pagamento per ampliare il target di elettori.

R

Oltre al piano editoriale, considerare il monitoraggio delle interazioni e reputazione per evitare “aggressioni online” da parte della concorrenza più agguerrita.

BROCHURE STAMPA

La comunicazione stampata è un mito intramontabile, che continua a durare nonostante l’evoluzione digitale sempre più travolgente. La stampa offre la possibilità di raggiungere anche quelle persone poco avvezze con la tecnologia e che magari prediligono la carta rispetto ad altre forme di comunicazione alternative. In questo caso i santini e volantini elettorali sono il must di ogni campagna elettorale. Il poco spazio consente di riportare solo le informazioni necessarie al caso, mostrando con chiarezza e semplicità il messaggio da comunicare. I grandi formati come locandine e manifesti, rigorosamente in blue back, sono ideali per le affissioni su spazi pubblici, nelle proprie sedi di rappresentanza o nei luoghi dei comizi pubblici. Infine la carta intestata e le buste elettorali sono una “chicca” per dar pregio alle comunicazioni, quando l’intenzione è quella di ottenere consensi di massa tramite gruppi sociali, associazioni, enti e organizzazioni.

R

Evitare impaginazioni grafiche “fai da te”, specie se per elevate tirature di stampa

R

Controllare refusi, qualità delle immagini fotografie e occhio al copyright!

GRAFICA, FOTO e VIDEO

La fotografia e la video produzione, che possono essere semplici spot o una presentazione semplificata del programma elettorale, sono potenti strumenti di comunicazione. Oggi con l’evoluzione tecnologia (in particolare grazie ai social e Internet) è possibile veicolare un grande numero di fotografie e video, che spesso possono essere utilizzati facilmente anche dai mass-media locali (se creati all’origine in alta risoluzione!). Creare un logo che rappresenti la propria lista è il realtà la prima cosa da fare! Il logo rappresentativo della lista diventerà il simbolo da imprimere nella mente dei propri elettori. Con i colori del logo si creerà successivamente il resto della grafica… per la stampa, il web e il multimedia. Deve essere ideato con un pizzico di creatività, racchiudendo in sé principi e valori del programma elettorale.

R

Avere qualcuno reputato ad immortalarvi vi consentirà di testimoniare partecipazioni e comizi in ambienti diversi tra loro!

R

Logo e grafica devono essere in formato vettoriale per ottenere la massima qualità di stampa.

MASS-MEDIA

I mass-media locali di stampa, online, ma anche radio e TV sono il canale ideale sia per raggiungere un elevato numero di persone che per attribuire attendibilità delle notizie che si diffondono. In un’epoca in cui la diffusione di fake news sono una vera e propria piaga dell’informazione contemporanea, trasmettere i propri contenuti in modo massivo e affidabile diventa importantissimo, specie in una campagna elettorale. Sulle testate giornalistiche è possibile inoltre promuovere -in appositi spazi- la propria pubblicità elettorale intercettando i propri elettori, e ampliare il raggio di azione della campagna. In molti casi è necessario preparare una propria comunicazione personale che deve rispettare gli standard tecnici (misure e formati) preposti dal mass-media.

R

Attenzione ai costi delle campagne pubblicitarie, valutando la durata delle pubblicazioni.

R

Importante conoscere e interpretare le statistiche dei visitatori, studiando bene la strategia

CONSULENZA

Quanto appena argomentato è chiaramente un riepilogo sintetico delle singole componenti e leve di comunicazione e marketing per gestire una buona campagna elettorale. Per riuscire a definire un progetto chiaro e conciso occorre una strategia creata su misura, basata quindi su un’attività di consulenza tecnica. Ad esempio, il preventivo di spesa varia spesso in base alla tiratura di stampa del materiale promozionale, ma capire quanto stampare e come distribuire il materiale è una decisione che spetta ad un bravo consulente marketing, che conosce bene il territorio nel quale operare.

R

Valutare la consulenza preventiva di un esperto marketing, in caso di gestione autonoma della promozione.

R

Richiedere documenti, ricerche e dossier socio-demografici e politici della città e il suo territorio.

PREVENTIVO DI MASSIMA...

In linea di massima il preventivo allegato delinea un progetto di comunicazione e marketing, finalizzato ad intercettare quanti più elettori possibili nel Comune di Ferrara oltre a gestire a 360° tutti gli aspetti esterni che si integrano alla promozione della campagna elettorale (organizzazione comizi o incontri politici, ufficio stampa, permessi e autorizzazioni, pubblica sicurezza, mass-media, ecc).

SCARICA PREVENTIVOCONTATTAMI
Mi chiamo Davide Canella e sono uno specialista in Comunicazione e Marketing d’impresa. Lavoro come libero professionista implementando soluzioni di comunicazione integrata, miscelando Design e strategie on/offline! Scopri di più sul mio profilo e servizi:...CLICCA QUICondividi l'articolo sui tuoi social, prima di lasciare questa pagina! Grazie mille! ^_^

Comunicare efficacemente un’offerta commerciale senza delusioni di vendita!

Comunicare efficacemente un’offerta commerciale senza delusioni di vendita!

La ripresa del lavoro, dopo le festività natalizie, diventa l’occasione giusta per proporre novità commerciali del nuovo anno. Le novità di prodotti e servizi sono spesso l’opportunità per avvicinare nuovi potenziali clienti, fidelizzare quelli un po’ stanchi e finalmente convincere all’acquisito quelli che hanno sempre esitato fino ad ora! Vediamo quindi come sfruttare al meglio questa opportunità e sanare quei problemi di vendita in cui si scontrano in molti!

Spesso le novità commerciali rappresentano il vettore su cui far leva per vedere prodotti e servizi classici, spesso “pigri” da commercializzare oppure per cambiare l’assortimento a catalogo, perché imposto dai produttori stessi.

E’ risaputo che le novità aiutano ad avvicinare la clientela incuriosita, ma spesso non consideriamo il fatto che il target commerciale non sia pronto o interessato all’acquisito nello stesso momento in cui proponiamo la nostra novità o offerta commerciale. Questo in realtà è il concetto su cui si basa il cosiddetto “re-marketing”, cioè la strategia finalizzata ad intercettare nel tempo quel target (spesso un buon 90%) che non si è trasformato, per qualche strana ragione, in cliente al primo tentativo!

Per molti commercianti, proporre un’offerta commerciale o novità diventa subito una sconfitta amara e deludente. Il disagio maggiore si vive quando ci si accorge di non avere la clientela pronta a recepire la nostra offerta, perché i canali di promozione non vengono aggiornati da tempo. Se non aggiornati, infatti, nella mente delle persone finiscono presto nel dimenticatoio, spesso attrattati dalla concorrenza, che sfrutta proprio questa debolezza, per tenersi incollati clienti o consumatori.

Aggiornare con costanza i propri canali di comunicazione come il sito web e la pagina aziendale di Facebook o Instagram dà la possibilità di mantenere costante l’afflusso di visite, soprattutto in quei momenti in cui abbiamo la forte necessità di comunicare un’offerta commerciale davvero esclusiva e irrinunciabile.

Questa può essere una valida soluzione al problema ormai noto di veicolare informazioni in ogni momento dell’anno, fino ad intercettare quello in cui i nostri potenziali clienti sono più propensi a trasformarsi in clienti.

L’aggiornamento dei canali di promozione diventa inoltre un modo per educare la clientela alla linea prodotti e servizi del nostro assortimento. Questo è raccomandato quando si rende necessario comunicare novità da anteporre a grossi cambiamenti, specie per l’offerta commerciale molto aggressiva, come la sostituzione di un prodotto seppur molto apprezzato.

Esempi di volantini commerciali che ho sviluppato per alcuni clienti!

Una promozione spiegata in modo chiaro ed esauriente tramite il classico volantino commerciale (che fa uso di grafica, testi e immagini che lavorano sinergicamente) aiuta ad esplicare al meglio condizioni e formule commerciali della nostra offerta.

In definitiva, utilizzare un volantino commerciale su canali di promozione con il pubblico pronto ad assimilare la vostra offerta commerciale diventa l’occasione giusta per superare le avversità della fase di vendita, garantendovi i risulti sperati con uno sforzo davvero minimo!

Scopri l'offerta e contattami subito!

Scopri la mia offerta per tenere aggiornato costantemente i canali di promozione come il proprio sito web e pagina Facebook e come redigere un volantino commerciale in grado di garantire le massime performance commerciali.
Contattami per capire come ripristinare la corretta comunicazione, gli strumenti di vendita e le metodologie da adottare.

SCARICA L'OFFERTACONTATTAMI
Mi chiamo Davide Canella e sono uno specialista in Comunicazione e Marketing d’impresa. Lavoro come libero professionista implementando soluzioni di comunicazione integrata, miscelando Design e strategie on/offline! Scopri di più sul mio profilo e servizi:...CLICCA QUICondividi l'articolo sui tuoi social, prima di lasciare questa pagina! Grazie mille! ^_^

Tu la conosci la Jolanda? La pubblicità definita sessista è sbagliata per altri aspetti!

Tu la conosci la Jolanda? La pubblicità definita sessista è sbagliata per altri aspetti!

Nel polverone politico che Paolo Calvano, segretario del PD in Emilia-Romagna, ha sollevato in questi giorni, troviamo in realtà il succo di questo mio approfondi- mento da un punto vista della comunicazione e del marketing e quindi ben lontana dalla sfera politica.

La pubblicità che allude alle mordaci battute della Littizzetto è semplicemente sbagliata da un punto di vista della comunicazione poiché, come afferma Calvano, il messaggio impiegato è ben diverso dall’obiettivo per il quale è stata concepita la campagna pubblicitaria: promuovere una normalissima fiera gastronomica di una località di campagna della provincia di Ferrara. Chi ha curato la comunicazione ha scelto atipicità e sarcasmo ben lontano dal genere di comunicazione cui i ferraresi sono abituati, invece di focalizzarsi sui valori tipici, che contraddistinguono questo genere di promozione.

Il concept creativo sul quale si basa questa scelta stilistica –tecnicamente a mio avviso è davvero povera di originalità, per non dire altro di più volgare- è stato volutamente creato per far parlare di sé. Si tratta di un’azione basata sul marketing virale, cioè far leva su fattori come stupore e curiosità per raggiungere più persone possibili e fare in modo che le stesse condividano poi (con effetto Domino) sui propri social-network.

Da un punto di vista marketing (inteso come numeri) lo scopo è stato pienamente raggiunto poiché, come abbiamo già avuto modo di appurare in passato con l’albero di Natale di Murano in piazza a Ferrara nel 2015, l’importante è che se ne parli indipendentemente che sia positivo o meno (a mio avviso sbagliatissimo, ma vitale invece per molte agenzie di comunicazione abituate a ragionare per numeri e non per risultati); da un punto di vista della comunicazione è sbagliato perché si tende a focalizzare l’attenzione sul claim “Tu la conosci la Jolanda?”, alludendo alle famose battute della Littizzetto, anziché sull’immagine della donna e il trattore, che ben ci stanno!

Quest’ultimo concetto (donne e motori), malgrado rafforzi l’idea maschilista delle passioni prettamente maschili, è un concetto giusto inquadrato nella storia di Jolanda di Savoia. Diventate famose grazie al celebre film Riso Amaro di Giuseppe De Santis del 1949, le Mondine hanno rappresentato un tassello importante nella storia italiana per quando riguarda la lavorazione del riso.

donne e motori

Del resto anche le macchine agricole sono il simbolo per eccellenza di quei processi di coltivazione agricola sempre più meccanizzata e all’avanguardia. Difatti visitando la bellissima mostra allestita presso il centro culturale di Jolanda di Savoia si ha la possibilità di scoprire questo fascino tra modernità e passato, fatto di donne e uomini, motori, agricoltura, storia del ‘900, bonifica e tradizioni.

Quindi dopo questa attenta analisi da un punto di vista della semiotica e del marketing, ritengo che sarebbe stato molto più saggio e vantaggioso focalizzarsi sull’immagine fotografica anziché sulla citazione testuale. Una scelta che sicuramente non avrebbe avuto l’effetto virale che ben conosciamo, ma almeno non avrebbe scatenato una polemica a danno dell’immagine della manifestazione. Difatti, a distanza di qualche giorno tutta la comunicazione web è stata sostituita, probabilmente a fronte delle innumerevoli lamentele. Quel malizioso “Tu la conosci la Jolanda?” modificata poi in “Tu conosci Jolanda?” diventa per la seconda volta un invito a scoprire la località di Jolanda di Savoia anziché le sue “Giornate del Riso”. Insomma se ne sono lavati le mani togliendo un paio di articoli determinativi, voltando le spalle alla brand reputation, lunga e difficile da costruire e veloce da perdere in poco tempo.

Chi ha gestito la comunicazione e il marketing probabilmente non conosce la storia del luogo, ma soprattutto non conosce il target del territorio. In pratica non conosce costumi, valori e tradizioni di un tempo, essenziali per costruire una comunicazione di questo genere. Come diceva il mio professore dell’università: per fare il marketing degli eventi, basati su tradizioni del passato, occorre vivere esperienze di vita locale sulla propria pelle oppure affidarsi a qualcuno del luogo che risiede lì da anni.

Insomma non c’è da stupirsi se si osserva il lavoro marketing nella sua completezza. Dal logo “celtico” della manifestazione che dovrebbe richiamare una spiga di riso, al sito web ufficiale dell’evento che si spera di trovare ai primi risultati di una ricerca su Google e al suo posto si trova invece il programma fiera 2012 di qualche altro vecchio sito.

Nell’immagine il codice sorgente del sito ufficiale dell’evento che mostra la scarsa o errata attività di ottimizzazione del sito sui motori di ricerca (S.E.O), che causa quindi il pessimo posizionamento nella SERP.

Osservando tutto ciò è chiaro che si è cercato di puntare al risparmio.. ma come si fa a risparmiare per l’evento più importante dell’anno, soprattutto per le 250 aziende agricole che sorreggono l’economia locale e credono nel progetto “Jolanda di Savoia: capitale del riso italiano”?
Veramente mancano quei 4000- 5000€ per gestire a 360° la promozione web e stampa della manifestazione, senza toccare l’animo di qualcuno usando ironia e sarcasmo?

In attesa di pubblicare il prossimo approfondimento di Settembre, che argomenterà la campagna pubblicitaria online -a budget zero- della sagra paesana 2017 di Baura (FE), contattami se desideri sviluppare un piano di comunicazione e marketing per la prossima edizione del tuo evento, fiera o altra manifestazione pubblica o privato di tipo culturale, sportiva o gastronomica.

Mi chiamo Davide Canella e sono uno specialista in Comunicazione e Marketing d’impresa. Lavoro come libero professionista implementando soluzioni di comunicazione integrata, miscelando Design e strategie on/offline! Scopri di più sul mio profilo e servizi:...CLICCA QUICondividi l'articolo sui tuoi social, prima di lasciare questa pagina! Grazie mille! ^_^
Marketing turistico: quando trasfigurare la realtà diventa un business (parecchio trash)

Marketing turistico: quando trasfigurare la realtà diventa un business (parecchio trash)

Per gli amanti del turismo balneare sicuramente una location con acqua limpida e cristallina diventa una caratteristica fondamentale nella scelta delle proprie vacanze estive. L’acqua azzurra o verde smeraldo è un richiamo promettente per coloro che sognano di fare il bagno in un mare paradisiaco. Non sempre però è possibile avere vicino a casa un mare che richiama le lontane e incontaminate spiagge dei tropici. E’ un problema che troviamo soprattutto sulla costa adriatica nord settentrionale dell’Italia, dove la sabbia di color scuro offre un aspetto decisamente diverso.

(altro…)

Brand identity: perché è così importante?

Brand identity: perché è così importante?

Il parolone “Brand identity” può facilmente spaventare chi non è pratico di marketing; pertanto con “identità aziendale” definiamo un insieme di elementi di comunicazione visiva che consentono di tracciare la riconoscibilità del marchio aziendale (Brand) e di trasmetterne i suoi valori e virtù (identity). Significa cioè rappresentare graficamente un brand attribuendogli particolari elementi che consentono di delineare le caratteriste dell’azienda e suoi prodotti/servizi.

(altro…)

Pin It on Pinterest