Brand-management: come mettere il “booster” ad ogni StartUp!

Brand-management: come mettere il “booster” ad ogni StartUp!

Brand_Company_IdentitySappiamo -senza tanti fronzoli- che l’obiettivo fulcro di ogni azienda o nuova startup è riuscire a vendere il prodotto/servizio in modo tale da garantire un florido e sereno futuro alla propria realtà imprenditoriale. Per far ciò occorre costruire innanzitutto un buon portafoglio clienti, seguendo le direttive evidenziate nel vostro business-plan.

Ora ponetevi la domanda, non una qualunque, ma quella che fino ad ora avete tralasciato e che rappresenta in realtà l’accensione del motore per riuscire ad acquisire clienti devoti.

“Ho il giusto appeal per costruire il mio portafoglio clienti?”

brand_manualSe il vostro business e contenuto in un documento, non potete andare dai clienti con il business-plan alla mano. A loro non interessa il vostro obiettivo di fatturato o le dinamiche studiate per superare senza problemi i primi anni dell’azienda, ma solamente se il vostro business è in grado di soddisfare le loro esigenze, magari costruendo un rapporto di fiducia solido e duraturo, se necessario. E’ fondamentale quindi recarsi dal cliente con la giusta documentazione di presentazione, spiegando caratteristiche e importanza del vostro prodotto/servizio. Si tratta di una soluzione che -se curata a dovere- induce ad uno stimolo sicuramente positivo, anche nei casi in cui il potenziale cliente abbia dubbi o incertezze.

E’ importante affermare la vostra identità sul mercato. I vostri potenziali clienti hanno bisogno di capire se siete dei professionisti, documentarsi non solo sul prodotto/servizio innovativo che gli state per offrire, ma ricevere anche accurate informazioni sul vostro conto. Pertanto, per riuscire ad ingaggiarli facilmente occorre valutare -e di conseguenza costruire nel tempo- una complessa attività denominata “brand-management”, il cui scopo è aumentare il valore percepito da parte del consumatore rispetto a un prodotto/servizio, aumentando di riflesso il valore globale del brand aziendale.

Il brand management mette in campo specifiche tecniche marketing con le quali si possono promuovere sia i prodotti/servizi che il brand aziendale in sé.

Sviluppare un’attività di gestione del brand (o brand-management) significa quindi costruire gradualmente un percorso di crescita in grado di agevolare l’ingaggio sui vostri clienti, avvicinarli al vostro brand, infondere sensazioni di sicurezza e fiducia e possibilmente allontanare quelle negative. La gestione del brand è un’attività lunga e complessa, che non deve assolutamente spaventare, anzi deve convivere serenamente con le attività del proprio business-plan. Il brand management mette in campo specifiche tecniche marketing con le quali si possono promuovere sia i prodotti/servizi che il brand aziendale in sé. Per una startup agli inizi, sicuramente l’attenzione ricadrà sul prodotto/servizio, tralasciando la corporate aziendale. In realtà è buona norma gestire entrambi in maniera congiunta fin da subito, sfruttando la sinergia “product-corporate”.

Se desideri sviluppare un'attività di brand management o vuoi ricevere approfondimenti e consigli pratici, contattami senza impegno!

Mi chiamo Davide Canella e sono uno specialista in Comunicazione e Marketing d’impresa. Lavoro come libero professionista implementando soluzioni di comunicazione integrata, miscelando Design e strategie on/offline! Scopri di più sul mio profilo e servizi:...CLICCA QUICondividi l'articolo sui tuoi social, prima di lasciare questa pagina! Grazie mille! ^_^
Internalizzare le attività marketing aziendali reclutando un addetto comunicazione e marketing. Quale know-how scegliere.

Internalizzare le attività marketing aziendali reclutando un addetto comunicazione e marketing. Quale know-how scegliere.

Lo scopo di internalizzare le attività marketing aziendali è ciò che sta alla base della cosiddetta comunicazione integrata d’impresa, che oggi rappresenta il miglior modo per ottenere grandi risultati economizzando al massimo i budget marketing. Significa cioè riuscire a gestire internamente tutte quelle attività di comunicazione e marketing, che diversamente verrebbero gestite attraverso agenzie di comunicazione, studi pubblicitari e liberi professionisti.
Ed è da qui che nasce l’idea di questo articolo, poiché mi sono ritrovato a lavorare (come libero professionista in comunicazione e marketing d’impresa) con aziende che -seppur disponendo di una figura interna reputata al marketing- commissionavano in esterno molte delle attività che potevano invece essere gestite internamente. E’ un autentico controsenso, ma si tratta di una triste realtà che riguarda molto spesso chi proviene da una formazione universitaria, come quella di Economia.

(altro…)

Presentazione del restyling web di Hybriddesign.it

Presentazione del restyling web di Hybriddesign.it

Ho terminato finalmente il restyling del mio sito web. Il lavoro, durato diversi mesi, ha portato un radicale cambiamento dal punto di vista del layout globale e dei contenuti. Contemporaneamente sono state aggiunte nuove sezioni, che hanno permesso di espandere il concetto di semplice portfolio web, quale era un tempo.

(altro…)

Pin It on Pinterest