INSTAGRAM Piccola rassegna personale delle foto più belle!

INSTAGRAM Piccola rassegna personale delle foto più belle!

Non sempre è possibile avere la reflex digitale con sé e ritoccare rapidamente i propri scatti. Instagram si presta ad essere l’app ideale per manipolare e condividere, fin da subito, il proprio scatto fotografico creativo.

Di seguito ho riportato una piccola rassegna personale delle foto più belle scattate e poi ritoccate con l’app di Instagram! Molte delle immagini scelte possiedono caratteristiche che -inquadratura, saturazione dei colori, focus e dattaglio, ecc- diventano scatti memorabili, grazie soprattutto ai numerosi filtri digitali e impostazioni di post-produzione dell’App.

relax in spiaggia! #beach #sand #adriaticsea #italy

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

#delorean ..fotonica!!! #backtothefuture

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

#talea in #nutella!! enjoyyyy! 😉 #garden #food

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

la sparpaia! #nofilter #country #butturfly

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

che posto fantastico a due passi da casa!!

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

fuochi a Polesella!!

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

nel parcheggio della #coop a #ferrara! fantasticooo! @mongolo ahah

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

Un po di cross a fine giornata lavorativa ci sta!

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

Passeggiata domenicale.. pur di non stare davanti al PC con questa bella giornata di sole!

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

#pesca a #portocorsini #fishing #ravenna #sunset #adriatic #sea

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

servizio fotografico domenicale! i cappellacci della nonna... ahahah #food #photo #Ferrara

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

Un po di motocross ogni tanto non fa male..

Una foto pubblicata da Davide Canella (@hybriddesign) in data:

Mi chiamo Davide Canella e sono uno specialista in Comunicazione e Marketing d’impresa. Lavoro come libero professionista implementando soluzioni di comunicazione integrata, miscelando Design e strategie on/offline! Scopri di più sul mio profilo e servizi:...CLICCA QUICondividi l'articolo sui tuoi social, prima di lasciare questa pagina! Grazie mille! ^_^
Marketing turistico: quando trasfigurare la realtà diventa un business (parecchio trash)

Marketing turistico: quando trasfigurare la realtà diventa un business (parecchio trash)

Per gli amanti del turismo balneare sicuramente una location con acqua limpida e cristallina diventa una caratteristica fondamentale nella scelta delle proprie vacanze estive. L’acqua azzurra o verde smeraldo è un richiamo promettente per coloro che sognano di fare il bagno in un mare paradisiaco. Non sempre però è possibile avere vicino a casa un mare che richiama le lontane e incontaminate spiagge dei tropici. E’ un problema che troviamo soprattutto sulla costa adriatica nord settentrionale dell’Italia, dove la sabbia di color scuro offre un aspetto decisamente diverso.

(altro…)

Metacomunicazione: il successo dell’infografica. Riflessioni sugli appunti del Prof. Giovanni Boccia Artieri

Metacomunicazione: il successo dell’infografica. Riflessioni sugli appunti del Prof. Giovanni Boccia Artieri

Blog, forum, ecc sono diventati in questi anni un calderone gigantesco di informazioni, dove gli utenti sono attratti dalla possibilità di pubblicare gratuitamente e senza limiti tutto ciò che pare piace. La libertà di pubblicazione è un diritto che sul web non può essere precluso, ma l’esigenza di comunicare contenuti brevi e sintetici sta per imporsi come uno dei principi fondamentali delle pubblicazioni on-line del Web 3.0.

(altro…)

[3° Parte] – Psicologia del colore: l’uso del colore nella comunicazione e nella pubblicità.

[3° Parte] – Psicologia del colore: l’uso del colore nella comunicazione e nella pubblicità.

ANTEPRIMA E PRESENTAZIONE DELLA PUBBLICAZIONE - LA PSICOLOGIA DEL COLORE

università
Nell’insegnamento universitario di “Teoria e tecnica del trattamento delle immagini” del Prof. Andrea Pizzirani dell’Università degli Studi di Ferrara, ho trovato particolarmente interessante la tematica della cosiddetta “Psicologia del colore“, fin tanto da spingermi ad analizzare ed approfondire meglio la tematica.
Di seguito pubblico un serie di approfondimenti redatti grazie agli interessanti appunti del mio docente universitario, alcuni approfondimenti su libri di settori e numerosi siti internet di studiosi. Il primo post rappresenta un sorta di cappello introduttivo al concetto di “sensazione” e analizza i principali studi a livello psicologico sul mondo dei colori. Il secondo post analizza sinteticamente sul piano psicologico le principali tonalità dei cosiddetti “Colori Caldi” e “Colori Freddi”. Il terzo post analizza l’impiego pratico di alcuni colori, utilizzati -a seconda della proprietà psicologica- nel settore della promozione pubblicitaria o più semplicemente nel mondo della comunicazione.

Come prima considerazione sulla psicologia dei colori è fondamentale ricordare la suddivisione in “Colori Caldi” e “Colori Freddi”: i colori “Caldi” sono: Il rosso, il rosa, l’arancio, il giallo, il marrone, che rievocano il sole, il fuoco, il sangue, ecc, mentre i colori “Freddi” come il blu, il verde, il viola, il porpora, ecc.

“Nel mondo della comunicazione e in particolare della pubblicità, numerosi studi e test psicologici  testimoniano l’efficacia nell’utilizzare un particolare colore invece di un altro, che meglio si abbina a quello dell’oggetto da promuovere”.

Nel mondo della comunicazione e in particolare della pubblicità, numerosi studi e test psicologici  testimoniano l’efficacia nell’utilizzare un particolare colore invece di un altro, che meglio si abbina a quello dell’oggetto da promuovere (1).

Essendo una tematica piuttosto lunga e complessa, mi soffermerò esclusivamente su quei colori, noti per le loro “caratteristiche” psicologiche, in grado di scaturire delle vere e proprie “azioni” comportamentali (scelte di prodotto, sicurezza nell’acquisto, maggiore riflessione, ecc). La psicologia del colore è una delle tecniche di comunicazione persuasiva più efficaci nel settore della comunicazione (2). Sintetizzare ciò che si cela dietro questa disciplina non è assolutamente facile. Si tratta di una realtà che va a toccare non solo la psicologia dell’uomo, ma anche il suo contesto sociologico e in particolar modo quello etnico-culturale. A questi si aggiungono poi i problemi legati agli abbinamenti cromatici, come: l’usabilità, la leggibilità, ecc che vanno ad influire notevolmente sulle loro scelte di utilizzo.

(altro…)

[2° Parte] La Psicologia del Colore: Le sensazioni psicologiche dei colori “Caldi” e “Freddi”.

[2° Parte] La Psicologia del Colore: Le sensazioni psicologiche dei colori “Caldi” e “Freddi”.

ANTEPRIMA E PRESENTAZIONE DELLA PUBBLICAZIONE - LA PSICOLOGIA DEL COLORE

università
Nell’insegnamento universitario di “Teoria e tecnica del trattamento delle immagini” del Prof. Andrea Pizzirani dell’Università degli Studi di Ferrara, ho trovato particolarmente interessante la tematica della cosiddetta “Psicologia del colore“, fin tanto da spingermi ad analizzare ed approfondire meglio la tematica.
Di seguito pubblico un serie di approfondimenti redatti grazie agli interessanti appunti del mio docente universitario, alcuni approfondimenti su libri di settori e numerosi siti internet di studiosi. Il primo post rappresenta un sorta di cappello introduttivo al concetto di “sensazione” e analizza i principali studi a livello psicologico sul mondo dei colori. Il secondo post analizza sinteticamente sul piano psicologico le principali tonalità dei cosiddetti “Colori Caldi” e “Colori Freddi”. Il terzo post analizza l’impiego pratico di alcuni colori, utilizzati -a seconda della proprietà psicologica- nel settore della promozione pubblicitaria o più semplicemente nel mondo della comunicazione.

Come prima considerazione sulla psicologia dei colori è fondamentale ricordare la suddivisione in “Colori Caldi” e “Colori Freddi”: i colori “Caldi” sono: Il rosso, il rosa, l’arancio, il giallo, il marrone, che rievocano il sole, il fuoco, il sangue, ecc, mentre i colori “Freddi” come il blu, il verde, il viola, il porpora, ecc.


I COLORI CALDI

ROSSO: è espressione di vivacità, gioia, erotismo, energia poiché infonde sensazioni di calore, eccitazione, aggressività, passionalità, ecc. Di fatto, in natura questo colore è rappresentato da elementi come il sangue (aggressività e pericolosità di un nemico), colore della lava del vulcano (energia ed aggressività della natura). E’ in grado di attrarre l’attenzione e, secondo alcuni, di accelerare il metabolismo (1).
GIALLO: è espressione di dinamismo, solarità, energia; trasmette sensazioni liberatorie, allegria, ecc. In natura questo colore è rappresentato da elementi come il nettare dei fiori (richiamo per gli insetti), il sole (gioia e serenità dopo una giornata piovosa), ecc. E’ il colore della felicità, della vivacità. Tuttavia indica anche invidia, frode, tradimento (Giuda ha un mantello giallo quando tradisce Gesù), gelosia ed azzardo (2). (altro…)

Pin It on Pinterest