ANTEPRIMA E PRESENTAZIONE DELLA PUBBLICAZIONE - La Psicologia del Colore

università
Nell’insegnamento universitario di “Teoria e tecnica del trattamento delle immagini” del Prof. Andrea Pizzirani dell’Università degli Studi di Ferrara, ho trovato particolarmente interessante la tematica della cosiddetta “Psicologia del colore“, fin tanto da spingermi ad analizzare ed approfondire meglio la tematica.
Di seguito pubblico un serie di approfondimenti redatti grazie agli interessanti appunti del mio docente universitario, alcuni approfondimenti su libri di settori e numerosi siti internet di studiosi. Il primo post rappresenta un sorta di cappello introduttivo al concetto di “sensazione” e analizza i principali studi a livello psicologico sul mondo dei colori. Il secondo post analizza sinteticamente sul piano psicologico le principali tonalità dei cosiddetti “Colori Caldi” e “Colori Freddi”. Il terzo post analizza l’impiego pratico di alcuni colori, utilizzati -a seconda della proprietà psicologica- nel settore della promozione pubblicitaria o più semplicemente nel mondo della comunicazione.

Esulando la complessa parte iniziale pertinente allo studio del colore secondo il piano fisiologico, cioè l’acquisizione, l’elaborazione e la trasmissione dei segnali nervosi dall’occhio al cervello (sintesi additiva, sintesi sottrattiva, ecc), osserveremo ilcomportamento cerebrale di fronte al mondo dei colori: è la psicologia del colore.

E’ logico pensare che l’uomo abbia associato alcune“sensazioni” più comuni alla simbologia cromatica, in quanto il colore è una vera e propria sensazione celebrale. Con grafici, parole o immagini l’uomo può comunicare alcuni concetti ma, nella maggior parte dei casi, solo attraverso il colore si può superare qualsiasi barriera etnica. Ciò avviene sempre entro certi limiti, poiché ad esempio il colore bianco (per noi occidentali) infonde sensazioni pressoché positive, come la purezza, l’armonia e la solarità, mentre in Giappone -a tale colore- viene attributo il significato di lutto o morte.


“E’ importante sottolineare che il processo di attribuzione dei significati colore/sensazione avviene nel nostro cervello a livello inconscio..”.

E’ importante sottolineare che il processo di attribuzione dei significati colore/sensazione avviene nel nostro cervello a livello inconscio, in base al mondo che ci circonda e, molto spesso, anche al contesto culturale in cui viviamo.

Nella cosiddetta cromoterapia (disciplina psico-medicale che utilizza il colore come mezzo terapeutico, intervenendo sulla malattia con trattamenti basati sull’irrorazione di luci colorate), il colore rosso ad esempio possiede la straordinaria capacità di stimolare l’attività del sistema nervoso neurovegetativo orto-simpatico il quale, eccitando a sua volta le ghiandole surrenali, provoca un aumento di adrenalina nel sangue e un innalzamento della frequenza cardiaca: il risultato è una sensazione di esaltazione, ansia, agitazione. Una Ferrari grigio è sempre una Ferrari, ma perde una parte di quella fondamentale valenza provocatoria che solo il colore rosso le conferisce e che la rende seducente, difficilmente governabile, ecc (2) .

Il colore blu è considerato “l’antidoto” del colore rosso, poiché stimola il sistema nervoso neurovegetativo parasimpatico che abbassa la pressione sanguigna e la frequenza cardiaca, dando alla persona una sensazione di pace, rilassamento e riposo. Pensando in questi termini è facile pensare al colore blu (o anche al verde) dei camici dei chirurghi in fase di operazione, le divise e auto della Polizia, il packaging del analgesici che anticipano il benessere di un mal di testa che passerà. (3) .


1-2-3 : Dagli appunti del Prof. Andrea Pizzirani dell’Università degli Studi di Ferrara.
Mi chiamo Davide Canella e sono uno specialista in Comunicazione e Marketing d’impresa. Lavoro come libero professionista implementando soluzioni di comunicazione integrata, miscelando Design e strategie on/offline! Scopri di più sul mio profilo e servizi: …CLICCA QUICondividi l'articolo sui tuoi social, prima di lasciare questa pagina! Grazie mille! ^_^

Pin It on Pinterest